Resta sempre aggiornato sul mondo Vegan Italy

iscriviti alla newsletter

Vegan Italy Blog

Vegan Italy Blog - Pragmatismo vegano

Pragmatismo vegano

06/02/2017 1 commento
Pragmatismo vegano

Per salvare gli animali bisogna essere realisti Etico e pragmatico, Helmut F. Kaplan ci offre una visione estremamente lucida della situazione attuale e di quello che realisticamente sarebbe necessario fare, per il bene degli animali, del pianeta e della nostra stessa specie.

Il saggio Vegan soll keine Religion sein applica un filtro realista alla liberazione animale. Kaplan parte da tre considerazioni molto dolorose: 
• gli animali non si possono aiutare da soli; 
• gli animali non possono vendicarsi; 
• una volta liberati, privano l’umanità di una fonte di nutrizione molto ambita.  

L’obiettivo del veganismo va quindi perseguito con pragmatismo, per gradi. Inutile perdersi in gare di purezza e santità, anche perché un vegano al 100% non potrebbe prendere né auto, né moto, né aerei, e non potrebbe nemmeno calpestare i prati o avventurarsi su un sentiero dopo un temporale per paura di uccidere qualche lumaca.
Il veganismo non deve, in sintesi, diventare una religione fondamentalista. Vista la sua natura privata ed emotiva, è un passo che non può essere preteso o forzato, altrimenti rischia di essere controproducente.
Coniugando etica e relativismo, il veganismo è un obiettivo da raggiungere prima di tutto armati di senso pratico. Per il bene degli animali.

Per Kaplan c'è un altro problema, dannosissimo per il movimento di liberazione animale e che si affianca al fondamentalismo: è la tendenza a scannarsi all’interno del movimento stesso. Deve invece esistere un solo e unico possibile orientamento, un’unica possibile unità di misura della coerenza: i diritti animali.

 

Lascia un commento



Commenti

Rosmarie 13/02/2017 21:14:51

benissimo